Addio campione

Oggi 23 ottobre 2011 è una giornata nera per tutto il mondo del motociclismo. Ci ha lasciato per una tragica disgrazia Marco Simoncelli, o SuperSic, come in tanti lo chiamavano. Se ne è andato facendo quello che meglio sapeva fare, quello che amava fare, correre in moto: è stata una fatalità, un maledetto incidente di gara farcito di coincidenze, che ci ha portato via un ragazzo che era entrato nel cuore di tutti. Semplice, concreto, onesto, allegro, Marco era tutto questo, e tutto questo trasmetteva a chi gli stava intorno; qualcuno l'aveva anche etichettato come "ragazzaccio" per via di qualche episodio di gara che l'aveva visto protagonista negativo, ma in fondo scommetto che tutti abbiamo visto nelle sue manovre il motociclismo che ci piace, fatto di furore agonistico, di "pelo", di spettacolo. Marco era "uno di noi", anche lui nato e cresciuto sulle ruotine come tanti altri, e sulle ruotine tornava volentieri: l'anno scorso l'avevamo visto mischiarsi "a noi" insieme ad altri piloti durante l'evento di beneficenza "minimoto per campioni", e ci aveva fatto divertire in pista e fuori, come ha sempre fatto e come solo lui sapeva fare.
Perdonerete il papiro, ma voglio ricordarlo così, come il grande campione umile, il ragazzo che tutti vorrebbero come amico e come compagno di pista, una di quelle persone che anche se non la conosci ti entra dentro, e ti fa sentire malissimo quando se ne va.
Ci ha lasciato, non c'è più Marco, ma rimarrà nei nostri cuori per sempre. Ci mancherai Marco.
Addio.

manu491 - minimotovr staff